Articolo su Il Messaggero

L'isola del Manifesto per l'Europa unita, della riserva marina e dei sub, scelta per un progetto scientifico sulle immersioni dei non vedenti. A Ventotene, da venerdì 11 a domenica 13, è in programma il sesto raduno Otosub con la partecipazione,

fra gli altri, dei non vedenti di “Albatros progetto Paolo Pinto”.

La domanda di fondo della tre giorni di confronto è se esistono differenze significative tra soggetti che praticano attività subacquea normovedenti e soggetti con perdita visiva acquisita o non vedenti dalla nascita in termini di equilibrio.

A tal proposito sarà firmato il protocollo d’intesa con la cattedra di otorinolaringoiatria dell'Università di Siena e con l'Associazione italiana di otorinolaringoiatria subacquea. Lo studio “Spatial static kinetic receptor in blindness disability” sarà avviato con i subacquei non vedenti e i tecnici dell'associazione Albatros.

“I nostri ragazzi – spiega Paola Pinto, presidente dell'associazione – entrano in acqua accompagnati da istruttori qualificati e se toccano una specie possono riconoscerla grazie a tavole in braille tenute dagli accompagnatori, sulle quali sono descritte tutte le caratteristiche”. Un modo per “vedere” ugualmente cosa c'è in fondo al mare, insomma, perché sulle schede sono riportate specie, caratteristiche e colore oltre al nome in latino.

A Ventotene i protagonisti saranno in tre, ma in tutta Italia sono ottanta a fare immersioni pur non avendo la vista. Alla firma del protocollo prenderà parte anche il sindaco, Giuseppe Assenso, insieme a Walter Livi, titolare della cattedra a Siena e Paolo Marcolin, presidente di Otosub.

Nel corso del raduno, inoltre, si tratterà di patologia dell'orecchio e della tuba di eustacchio, della chirurgia per migliorare l'aerazione dell'orecchio medio, di compensazione, ma anche di apnea , di come prevenire gli incidenti, di immersioni dopo chirurgia degli organi del distretto testa-collo, di immersione ricreativa e tecnica, infine di trattamento con ossigenoterapia iperbarica nella chirurgia ricostruttiva .

 

Puoi scaricare il testo dell'intervista cliccando qui sotto.

icon Articolo Il Messaggero Ottobre 2013 (46.27 kB)

 

 

 

 

Area riservata

Gruppo di Studio di Laringoiatria Subacquea - www.otosub.it - E-mail: info@otosub.it
Il materiale scientifico sul sito è indirizzato agli operatori del settore interessati alle patologie otorinolaringoiatriche.
Per i pazienti le informazioni disponibili in queste pagine hanno solo un valore indicativo e non possono sostituire un parere medico.

Copyright © Gruppo di Studio di Otorinolaringoiatria Subacquea, 2007-2012.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Io accetto i cookies di questo sito.